Salvare la natura

Nella Toscana centrale, la protezione dell'ambiente è una priorità.

Sostenere progetti ambientali e di conservazione locali per assicurare che la straordinaria bellezza naturale della Toscana centrale sia preservata per le generazioni future

il cielo, la montagna, l'albero...

La Toscana è una delle regioni più ricche d’Europa in termini di biodiversità e ambiente, oltre alla sua importanza culturale. Con una superficie di 23.000 km2 (circa le dimensioni del Belize), ha una vasta gamma di hotspot ecologici in una varietà di ecosistemi, che vanno dalle zone umide costiere, sorgenti calde e fiumi ininterrotti, a preziosi rifugi insulari e vecchie foreste negli Appennini.

Dichiaro che questo mondo è così bello che non posso credere che esista.

gautam-krishnan-kal6pcyy7sA-unsplash

Biodiversità

Incoraggiare la partecipazione locale e l’empowerment dei conservatori della fauna selvatica, rafforzare la rete regionale e assistere nella prioritizzazione di iniziative di conservazione efficaci sul terreno.

Aree di interesse

Tuttavia, il clima che cambia, le pratiche di gestione agricola e forestale non sostenibili, la pesca illegale, l’inquinamento da plastica e la scarsa qualità dell’aria nelle città principali minacciano molti dei tesori naturali della Toscana, che sono esacerbati dal turismo di massa, in particolare lungo la costa in estate.

Molte buone iniziative di base esistono già in Toscana, ma spesso mancano di fondi vitali per realizzare i loro obiettivi a lungo termine. Ci sono molte opportunità per questi progetti di essere potenziati e avere un impatto maggiore.

Sorry, no posts were found.

Progetti attuali

Biodiversità

Con l’uso della tecnologia, importanti specie animali possono essere monitorate nel loro habitat naturale. Per preservare il delicato equilibrio dell’interazione uomo-animale, incoraggiare lo studio scientifico, il collegamento in rete e la sensibilizzazione del pubblico. Aumentare la quantità di dati raccolti sulle specie protette; ridurre il disturbo o la mortalità degli animali e sviluppare trattamenti mirati per migliorare la loro conservazione. Ripristinare gli ecosistemi naturali e impiegare strategie di gestione a lungo termine.

Agricoltura rigenerativa

Progetti come incoraggiare gli agricoltori ad adottare pratiche agro-ecologiche sostenibili, con il risultato di paesaggi e suoli più sani e prodotti migliori; promuovere i mercati sostenibili di cui gli agricoltori hanno bisogno; e riscoprire, moltiplicare e diffondere semi di varietà antiche e liberamente impollinate, aumentando così la diversità genetica e la resilienza.

Conservazione marina

Il TEF sosterrà attivamente gli sforzi per combattere le attività di pesca illegali e insostenibili, così come i metodi per far rispettare le aree marine protette e assistere nel monitoraggio dei luoghi di nidificazione delle specie bersaglio lungo la costa. Promuoveremo anche iniziative educative e progetti che coinvolgano le comunità locali per aumentare la consapevolezza e prevenire problemi come la spazzatura marina, l’esaurimento delle risorse e la pesca illegale o eccessiva, oltre a promuovere migliori pratiche alternative più sostenibili.

Silvicoltura sostenibile

Le vecchie faggete degli Appennini, per esempio, sono tra i boschi meglio conservati d’Europa. Il disboscamento illegale e la cattiva gestione, invece, stanno minacciando molte di queste importanti aree. TEF lavorerà duramente per aumentare la consapevolezza di queste minacce ed elaborare strategie per garantire la sopravvivenza a lungo termine delle foreste.

Come lavoriamo

Finanziamento di progetti di rigenerazione della natura di base da parte di imprese e filantropi:

Cercando di formare alleanze locali che aiutino a catalizzare il cambiamento sistemico.

Usando la nostra rete di specialisti per assicurarci di finanziare i progetti con i più alti ritorni ambientali.

Fornendo liquidità critica ai progetti per espandere il loro effetto.

Aumentando l’investimento ambientale dimostrando ciò che può essere realizzato attraverso la rigenerazione naturale.

Assistere i donatori nel raggiungimento delle emissioni nette zero, combinando le loro riduzioni di carbonio con i nostri sforzi di ripristino ambientale.

Essendo agili, non burocratici, e “facendo le cose”, potete riempire un vuoto.

I fondi vengono messi in comune e si crea una leva per ogni donatore per condividere il successo.